ⓘ Daniel Zamudio. Daniel Mauricio Zamudio Vera era un giovane cileno, divenuto un simbolo della lotta contro la violenza omofobica nel suo paese, dopo essere stat ..

                                     

ⓘ Daniel Zamudio

Daniel Mauricio Zamudio Vera era un giovane cileno, divenuto un simbolo della lotta contro la violenza omofobica nel suo paese, dopo essere stato attaccato e torturato da un gruppo di giovani che lo hanno picchiato per diverse ore nel Parque San Borja di Santiago, causandogli gravi ferite che nelle settimane successivo lo hanno portato alla morte.

Lattacco a Zamudio, perpetrato il 2 marzo 2012 da quattro persone presumibilmente legate a un gruppo neonazista, ha generato commozione e sgomento nella società cilena ed ha aperto il dibattito sullomofobia nel paese, mettendo in evidenza lassenza di una legge antidiscriminazione per questo tipo di crimini ed altri, che è stata finalmente promulgata dopo anni di elaborazione parlamentare. Nel 2012, i genitori e gli amici del giovane assassinato hanno creato la Fundación Daniel Zamudio, il cui obiettivo è combattere lomofobia su tutti i fronti.

                                     

1. Biografia

Daniel Zamudio era il secondo dei quattro figli di Iván Zamudio Contreras e Jacquelinne Vera Muñoz, originaria di San Bernardo, a sud di Santiago.Lomosessualità di Daniel era nota nella sua famiglia da quando il ragazzo aveva tra i 13 e i 14 anni, anche quando lui stesso la avvertiva alletà di 17 anni.

Dopo la separazione dei suoi genitori, Daniel visse con sua madre e sua nonna. A 17 anni cadde in una forte depressione, scatenata dal suicidio della sua migliore amica, che lo portò a lasciare la scuola superiore. Il rapporto con suo padre era buono, ma con qualche attrito, perché Daniel riteneva che suo padre non accettasse il suo orientamento sessuale, anche se attribuiva i problemi allirresponsabilità di suo figlio.

A 24 anni, Daniel lavorava in un negozio di abbigliamento cinese per raccogliere fondi con cui finanziarsi gli studi come modello (professione o attore di teatro, dopo aver tornato il liceo. Secondo suo fratello, la sua intenzione era quella di fare carriera nel mondo delle comunicazioni e di essere riconosciuto, oltre a formare una famiglia ed essere padre.

                                     

2. Aggressione e morte

Daniel frequentava regolarmente discoteche orientate ad un pubblico LGBT e più di una volta ha indicato di essere stato molestato alluscita da tali locali. In unoccasione, dopo aver lasciato la discoteca Blondie, fu minacciato da un neonazista che gli avrebbe detto: "So dove lavori e dove ti prende, ti ucciderò".

Venerdì 2 marzo, Daniel si è recato al lavoro alle 7:30, come al solito, e nel pomeriggio ha detto alla sua famiglia che sarebbe andato a trovare un amico e che sarebbe rientrato a casa più tardi. Questo non è mai successo. Domenica, la sua famiglia si è recata presso la Policía de Investigaciones de Chile per denunciare la sua scomparsa, e questo fatto permise di identificarlo come un giovane ricoverato dal giorno precedente allospedale centrale. In effetti, Daniel fu trovato intorno alle 4:00 del mattino, privo di conoscenza e senza documenti, da una guardia municipale nel Parque San Borja, situato vicino allAlameda, larteria principale di Santiago del Cile.

Zamudio è stato trasferito alla vicina Posta Central nelle prime ore di sabato e, a causa delle sue ferite, è stato messo in coma indotto dalléquipe medica. Aveva gravi lesioni al cranio e al corpo: parte dellorecchio reciso, gambe rotte, una serie di tagli allo stomaco sotto forma di svastica e varie ustioni fatte con le sigarette.

A causa della natura delle ferite, sin dallinizio si è pensato ad un crimine omofobo eseguito da una banda neonazista, anche se sarebbero state le successive indagini a determinare le cause dellaggressione.

Daniel è stato ricoverato alla Posta centrale per diversi giorni, iniziando una lenta guarigione, che ha portato lequipe medica a svegliarlo dal coma indotto. Sono state persino registrate alcune reazioni involontarie minori. Tuttavia, le sue condizioni sono peggiorate, costringendo i medici a riportarlo in stato di coma il giorno 19 dopo che aveva subito un arresto cardiorespiratorio. Il team medico ha stabilito che era a rischio vitale e che le ferite confermavano gravi danni neurologici. Dopo 20 giorni, versioni contraddittorie annunciarono la morte cerebrale del giovane. Daniel Zamudio è deceduto martedì 27 marzo 2012 alle 19:45.

                                     

3. Impatto

La notizia dellattacco a Zamudio è stata diffusa da varie comunità a difesa dei diritti delle minoranze sessuali, in particolare dal Movimiento de Integración y Liberación Homosexual Movilh, che ha annunciato azioni legali contro i responsabili, oltre a richiedere formalmente un incontro con il Ministro degli Interni. Movilh ha indicato che, tra il 2002 e linizio del 2012, sono state registrate 66 segnalazioni di attacchi fisici perpetrati da civili, che hanno colpito circa 250 persone.

Grazie alluso dei social network, la notizia ha raggiunto una diffusione diffusa e ha generato un massiccio ripudio nella società cilena, mettendo in evidenza la realtà della discriminazione contro le minoranze sessuali in Cile.

Varie manifestazioni di sostegno per Daniel Zamudio e la sua famiglia si sono svolte fuori dalla Posta Central, tra cui veglie a lume di candela "velatones". Il 30 marzo, migliaia di persone hanno accompagnato la famiglia di Daniel Zamudio durante il suo funerale. La processione funebre fece il giro di vari comuni e fu ricevuta da vari manifestanti che chiedevano giustizia per la morte di Daniel, prima di arrivare al Cementerio General de Santiago dove fu sepolto.

Un anno dopo levento, il 2 marzo 2013, si è tenuta una marcia a Santiago in commemorazione dellomicidio di Daniel, a cui hanno partecipato 300 persone.



                                     

3.1. Impatto Dichiarazioni

Vari politici hanno espresso il loro rifiuto della situazione, tra cui il ministro degli Interni Rodrigo Hinzpeter che ha ricevuto il Movilh e giorni dopo ha organizzato un incontro tra il presidente Sebastián Piñera e la famiglia Zamudio al Palacio de La Moneda. Dopo lincontro, il Comune di Santiago ha annunciato di costituirsi parte civile nella denuncia per lattacco a Daniel Zamudio.

Dopo aver confermato la morte di Daniel Zamudio, il presidente Piñera ha solidarizzato con la famiglia attraverso il suo account Twitter durante un tour in Asia come parte di un tour ufficiale.

A sua volta, il portavoce di Movilh ha fatto riferimento alla situazione della Posta Central dopo la conferma della morte, definendo Zamudio "un martire cittadino delle minoranze sessuali". Diversi artisti hanno ripudiato il fatto, come Boy George, Gloria Trevi, Pablo Simonetti e Beto Cuevas, essendo uno dei cantanti portoricani Ricky Martin, che ha dedicato il suo Premio GLAAD a Zamudio. Daltra parte, la cantante russa Lena Katina - ex membro del duo t.A.T.u. - ha anche inviato un messaggio via YouTube per simpatizzare con la causa.

La Chiesa cattolica in Cile ha condannato laggressione; tuttavia, Movilh ha criticato latteggiamento di tale istituzione, uno dei principali oppositori della legge antidiscriminazione, di non aver accompagnato la famiglia di Daniel Zamudio mentre lo aveva fatto per il prete Fernando Karadima, accusato di pedofilia. Larcivescovo di Santiago Ricardo Ezzati respinse le accuse e disse che il vicario de la Esperanza Joven aveva accompagnato la famiglia del giovane assassinato, aunque en silencio pues "hay que acompañar con una actitud callada el aprovechamiento del dolor humano es inhumano". Per quanto riguarda la legge antidiscriminazione, Ezzati ha ribadito la sua riluttanza a questo proposito, poiché è stato necessario vedere che era "non discriminatorio".

Il caso è stato trattato da organizzazioni internazionali dedicate alla protezione dei diritti umani. Il 29 marzo 2012, la Comisión Interamericana de Derechos Humanos ha decretato la condanna dellincidente con una dichiarazione e ha esortato il governo cileno a indagare sui fatti "immediatamente e seriamente". Il giorno successivo, lAlto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani OHCHR ha pubblicato una nota in cui si chiedeva alle autorità cilene di legiferare contro la discriminazione secondo gli standard internazionali, condannando i crimini dodio. Inoltre, ha confrontato il caso Zamudio con altri casi di discriminazione in tutto il mondo.

I pareri di rifiuto, tuttavia, non erano unanimi. Lavvocato Jorge Reyes, rappresentante del gruppo Red por la Vida y la Familia e vicino al partito dellUnione Democratica Indipendente UDI, ha affermato che "se la società fosse a conoscenza della vita di Daniel Zamudio, la penserebbe diversamente" perché il giovane sarebbe stato alcolizzato al momento dellaggressione ed era stato cacciato da casa, concludendo che in Cile cera una "visione romantica di tolleranza". Quelle parole sono state considerate "aberranti" e "la peggiore della società" dal Portavoce del Movilh Óscar Rementería e hanno motivato il governo a rinunciare ai servizi di Jorge Reyes nella segreteria sanitaria di Biobío.

                                     

3.2. Impatto Reazioni politiche

In seguito allincontro con la famiglia Zamudio nel palazzo del governo, il ministro Hinzpeter annunciò che avrebbero posto grande urgenza sul progetto di legge contro la discriminazione che era stato discusso nel Congresso Nazionale dal 2005. El Movilh ha valutato lannuncio, tuttavia, ha affermato che "nessuna legge" dovrebbe essere approvata, poiché il progetto in discussione presentava varie carenze.

La discussione sulla legge antidiscriminazione era rimasta intrappolata per anni, soprattutto a causa del rifiuto di una parte importante dei parlamentari della Coalición por el Cambio. Nel novembre 2011, larticolo 2 del progetto, che includeva il riferimento alle minoranze sessuali, è stato votato a favore di 23 senatori - tra cui 7 PDC, 3 RN e 1 UDI - contro 13 senatori - 6 RN e 7 UDI -. Attraverso i social network, lelenco di quei parlamentari che hanno votato contro ha iniziato a circolare insieme a un invito a non votarli alle elezioni parlamentari del 2013. Di fronte a queste critiche, il senatore Juan Antonio Coloma presidente dellUnione Democratica Indipendente, il partito con il maggior numero di parlamentari al Congresso in quella periodo ha sostenuto che la legge antidiscriminazione non avrebbe evitato il crimine, che ha ritenuto inaccettabile e che deve essere combattuto con o senza legge, sebbene abbia difeso il suo rifiuto della legge perché potrebbe "allontanare la natura da certe istituzioni". Nel frattempo, diversi senatori della Concertación hanno invitato a ricostituire gli articoli sulle minoranze sessuali esclusi durante la discussione della legge alcuni mesi prima, accusando lUDI di "incitare alla violenza di genere" ricorrendo alla Corte costituzionale per annullare il disegno di legge. I senatori Guido Girardi PPD, Juan Pablo Letelier PS, Ricardo Lagos Weber PPD e Mariano Ruiz-Esquide PDC hanno persino chiesto di nominare la legge antidiscriminazione sotto il nome di Daniel Zamudio.

Dopo la morte di Daniel Zamudio, sono emerse altre azioni politiche. Tra questi cè il disegno di legge che crea il Día Nacional de la Diversidad, presentato dai deputati democratici cristiani. Un consigliere del comune di Santiago ha inoltre chiesto di rinominare il Parque San Borja, dove si è verificato il pestaggio, come "Parque Daniel Zamudio" e di trasformarlo in un memoriale di tolleranza e nonviolenza.

                                     

4.1. Indagine Imputati

A causa delle caratteristiche dellattacco, le prime versioni indicavano un attacco effettuato da bande neonaziste, che avrebbero attaccato Daniel Zamudio per il suo orientamento omosessuale.

Il 9 marzo, dopo aver raccolto vari indizi le versioni di alcuni testimoni, il gruppo O.S.9. dei Carabineros de Chile hanno identificato ed arrestato quattro persone come possibili autori dellaggressione, le quale inizialmente avrebbero confessato la loro partecipazione agli eventi. Gli accusati erano:

  • Patricio Iván Ahumada Garay 25, noto come Pato Core, aveva da poco scontato una pena detentiva per rapina con intimidazione. Aveva effettuato attacchi xenofobi contro i peruviani.
  • Fabián Alexis Mora 19, lunico coinvolto senza precedenti penali. Tuttavia, il 4 gennaio, Mora ha scritto sul suo profilo Facebook di aver "rotto il cranio e la clavicola" ad un senzatetto nel suo quartiere. Ha incontrato Angulo per le sue visite allEurocentro.
  • Raúl Alfonso López Fuentes 25, noto come il "Gacke II", neonazista e con precedenti di furto nei supermercati e nelle stazioni di servizio. Ha cercato di essere militare, ma è stato respinto.
  • Alejandro Áxel Angulo Tapia 26, colpevole di piccole rapine ed attacchi ai peruviani, era un imitatore di Michael Jackson ed aveva un negozio nel centro commerciale Eurocentro sul lungomare di Ahumada.

Sebbene il gruppo non si dichiarasse neonazista, sia Ahumada che López dimostrarono tendenze simili ed espressero ammirazione per quellideologia.



                                     

4.2. Indagine Dichiarazioni

Raúl López si è dichiarato colpevole dopo larresto. Ha detto che con il suo gruppo hanno trovato Daniel che dormiva su una panchina del parco alle 21:00. Dopo essere andato a comprare alcol, ha trovato Ahumada e Angulo intenti a colpire Zamudio.

Al suo ritorno, Ahumada stava picchiando furiosamente Zamudio perché gay. Ahumada golpeaba "patadas, combos en la cabeza, en la cara, en los testículos, en las piernas, por todo el cuerpo", según relata López, mentre Zamudio sanguinava dal naso e dal viso. Dopo di ciò, avrebbero usato il collo di una bottiglia di pisco sour rotta per disegnare una svastica sul suo addome.

Dopo tre ore di torture e dopo aver spento le sigarette sul suo corpo, il gruppo avrebbe abbandonato lincosciente Zamudio verso le 2:30 del mattino.

La versione è stata respinta da Ahumada e Angulo, che hanno ammesso di aver incontrato Zamudio nel parco. Tuttavia, hanno affermato che lo hanno salvato da un assalto mentre dormiva nel parco. Dopo averlo protetto, sarebbero andati con Zamudio a mangiare sopaipillas e a continuare a bere. Ahumada dice di essersi ritirato verso le 22:00 e che, dopo aver sentito dalla stampa il pestaggio che Daniel aveva sofferto, aveva cercato di comunicare con gli ufficiali di polizia per dire ciò che sapeva, ma che era stato arrestato prima di poterlo fare. Angulo, pur sostenendo inizialmente la versione di Ahumada, in seguito ha riconosciuto di aver attaccato Zamudio e che la sua dichiarazione iniziale era il prodotto delle minacce di Ahumada. Fabián Mora ha infine supportato la versione di López, tranne per il fatto che non riconosce di essere quello che ha attaccato Zamudio con una pietra.



                                     

4.3. Indagine Giudizio e condanna

Il procuratore Ernesto Vásquez, incaricato di dirigere le indagini, ha richiesto la formalizzazione dellimputato per il crimine di omicidio frustrato, e, inoltre, ha richiesto la sua detenzione preventiva, una misura concessa dalla 7ª Juzgado de Garantía de Santiago, dopo aver considerato che la libertà dellimputato era un "pericolo per la società". Dopo la morte del giovane, il crimine è stato modificato in omicidio, il crimine più grave contemplato nellordinamento cileno.

Il processo è stato condotto principalmente nel corso del 2013 presso il Cuarto Tribunal Oral en lo Penal de Santiago. Il 17 ottobre, Patricio Ahumada, Alejandro Angulo, Raúl López e Fabían Mora sono stati giudicati colpevoli di omicidio. La procura della zona Centro Norte, guidata da Ernesto Vásquez, ha richiesto la pena dellergastolo per Patricio Ahumada, mentre per Angulo e López ha chiesto 15 anni di prigione e per Mora, 8 anni. Il 28 ottobre, la Corte ha pubblicato le rispettive sentenze, confermando le sanzioni richieste dalla Procura, ad eccezione di Mora che è stato condannato a 7 anni di carcere.

                                     

5. Conseguenze

Sulla tragica vicenda sono stati realizzati alcuni libri e film:

  • Yo soy Daniel 2016, opera teatrale del drammaturgo Gonzalo Briones Tapia ispirata allultimo periodo della vita di Daniel Zamudio.
  • Jesús 2016, un film diretto da Fernando Guzzoni e ispirato al Caso Zamudio.
  • Solos en la noche: Zamudio y sus asesinos 2014, un libro di Rodrigo Fluxá che tratta dellindagine giornalistica sul caso.
  • Nunca vas a estar solo 2016, un film diretto da Álex Anwandter ispirato al Caso Zamudio. Ha inaugurato ledizione 2016 del LesGaiCineMad.
  • Zamudio: Perdidos en la noche 2015, miniserie televisiva trasmessa su TVN basata sul libro di Fluxá.
  • Efecto mariposa 2018, un programma trasmesso da Mega in cui sono stati dedicati due episodi intitolati "Zamudio: Cosas que nadie sabe de mí".