ⓘ Adolph John Paschang. Il 17 giugno 1937 da papa Pio XI lo nominò vicario apostolico di Jiangmen e vescovo titolare di Sasima. Ricevette lordinazione episcopale ..

                                     

ⓘ Adolph John Paschang

Il 17 giugno 1937 da papa Pio XI lo nominò vicario apostolico di Jiangmen e vescovo titolare di Sasima. Ricevette lordinazione episcopale il 30 novembre successivo dal vicario apostolico di Kaying Francis Xavier Ford, coconsacranti il vicario apostolico di Canton Antoine-Pierre-Jean Fourquet e il vescovo di Macao José da Costa Nunes.

Visse linvasione giapponese e loccupazione della Cina durante la seconda guerra mondiale. Il Giappone invase infatti il paese in diversi fasi negli anni 30. La Cina meridionale venne occupata verso la fine del decennio. Fino allattacco a Pearl Harbor del 1941, monsignor Paschang e il suo vicariato rimasero relativamente indisturbati dalle forze giapponesi dato che il presule possedeva la cittadinanza statunitense.

Nel febbraio del 1941 ricevette un passaggio dalle forze di occupazione giapponesi per visitare Hong Kong. Il vero scopo della sua mossa era di scavalcare le aree non occupate del suo vicariato per visitare i sacerdoti le suore. Durante la sua permanenza ad Hong Kong arrivò padre Joe Sweeney del lebbrosario della Porta del Paradiso a Ngaimen e gli raccontò del viaggio avventuroso che aveva appena compiuto: la lancia a motore che portò padre Big Joe e altri passeggeri era stato attaccato da una motovedetta giapponese verso sera, ma essi erano sfuggiti alla cattura, favoriti dalla discesa delloscurità che permise loro di sgattaiolare davanti alla nave di pattuglia. Monsignor Paschang avrebbe dovuto seguire lo stesso percorso e gli stessi rischi nel suo viaggio di ritorno. Mentre soggiornava a Hong Kong, impartì le ordinazioni presbiterali nella cappella del Rosario, in assenza del vescovo Enrico Valtorta.

L11 aprile 1946 papa Pio XII elevò il vicariato apostolico a diocesi e lo nominò suo vescovo.

Nel maggio del 1946 monsignor Paschang arrivò alla Maryknoll Stanley House di Hong Kong per una conferenza con più di una dozzina di ordinari diocesani della Cina meridionale, compresi i quattro suoi confratelli. Arrivò con una barba alla Van dyke e solo il suo rango episcopale lo salvò dalla consueta pratica della Stanley di insistere sulla rimozione delle barbe.

Dopo la liberazione della Cina continentale e la presa del potere da parte delle forze comuniste scelse di non abbandonare il paese. Fu catturato e torturato dalle autorità cinesi.

Il 5 dicembre 1951 fu costretto a contattare la Stanley House di Hong Kong tre volte per trasmettere linformazione che i comunisti cinesi chiedevano 22 000 dollari per la sua liberazione. Il 7 dicembre il prezzo del riscatto fu ridotto a 6000 dollari ma non fu pagato nulla. Il 19 dicembre, una notizia simile venne riportata sul New York Times: Il 18 dicembre un portavoce ufficiale cattolico disse che un vescovo di 56 anni, Adolph Paschang di Kongmoon ora chiamata Jiangmen, provincia di Kwangtung ora chiamata provincia del Guangdong, era stato picchiato di nuovo in seguito al rifiuto della Chiesa di pagare "denaro da riscatto" ai comunisti cinesi come mezzo per salvarlo dalla violenza della "riforma agraria" intensificata in quella provincia costiera sudorientale". Il vescovo successivamente venne torturato gravemente.

Padre William Downs nel suo Maryknoll Hong Kong Chronicle il 9 giugno 1952 registrò: "Il vescovo Paschang, dopo essere stato maltrattato venne finalmente espulso dalla Cina". Hanno marciato "dalla sua missione a Pakkai" (ora chiamato Beijie, dove si trovava la cattedrale del Cuore Immacolato di Maria, cioè la cattedrale della diocesi di Jiangmen, "lo hanno messo su una giunca se ne sono andati". Non sapeva quale sarebbe stato il suo destino e il pensiero dellinfelice fine di padre Sandy Cairns per mano dei giapponesi deve aver attraversato la sua mente.

Venerdì 6 giugno 1952 monsignor Paschang attraversò il confine cinese e giunse nella città portoghese di Macao. Il 9 giugno raggiunse Hong Kong. Molti giornalisti lo stavano aspettando con ansia al molo. Al suo arrivo, il vescovo Paschang ricordò di essere stato costretto a inginocchiarsi su mattoni rotti nellinverno del 1951 mentre veniva interrogato, ma che tuttavia non portava odio per i suoi aguzzini. Dopo una lunga intervista, monsignor Paschang poté finalmente tornare alla Stanley House per una cena.

Dopo la sua espulsione da parte del governo comunista cinese, monsignor Paschang prese residenza nella Maryknoll Stanley House, quartier generale del suo ordine a Hong Kong. Visitò brevemente gli Stati Uniti dAmerica, ma tornò di nuovo a Hong Kong visto il suo amore per il popolo cinese.

Nel marzo del 1957, monsignor Paschang subì una grave trombosi cerebrale e venne ricoverato in ospedale. Da allora in poi non fu più in grado di camminare. Il St. Francis Hospital delle suore canossiane divenne quindi la sua casa per quasi un anno. Nellottobre di quellanno insistette per lasciare lospedale e tornò alla Maryknoll Stanley House. Furono presi accordi dopo un incontro con il superiore generale in visita, padre John Comber, e un magazzino al piano terra accanto alla cucina venne trasformato in una "suite" per lui. Ebbe la tenera, pur se non professionale, cura del fedele cameriere Ah Fung. Dal maggio del 1958 fu costretto a usare una sedia a rotelle. Nonostante la sua salute fosse in declino, continuò a frequentare regolarmente la messa e ad assistere alla liturgia, fino a quando il suo corpo malato lo consentì.

Morì al St. Pauls Hospital di Causeway Bay, Hong Kong il 3 febbraio 1968 alletà di 72 anni. Dopo le esequie la sua salma fu tumulta nel cimitero cattolico di St. Michael nel quartiere Happy Valley di Hong Kong.

                                     

1. Ricordo

In ricordo di monsignor Paschang, quando nel 1969 il suo ordine fondò una nuova scuola elementare a Ngau Tau Kok, Kowloon, la battezzarono Bishop Paschang Memorial School. Oggi è conosciuta come Bishop Paschang Catholic School.

Alla fine degli anni 90, il governo di Hong Kong progettò di risviluppare la tenuta del Lower Ngau Tau Kok, dove si trovava la Bishop Paschang Memorial School. Nel 1997, il preside di allora Leung Kwok Hung, fece domanda per una nuova scuola al governo. Gli venne concesso un nuovo edificio in un "villaggio scolastico" a Kowloon Bay. La sezione AM della Bishop Paschang Memorial School si trasferì nel nuovo campus di Kowloon Bay nel 2002. Il nuovo istituto venne battezzato Bishop Paschang Catholic School.

Ledificio scolastico della Bishop Paschang Memorial School nel 2008 venne finalmente restituito al governo di Hong Kong, in linea con il piano di demolizione della parte rimanente del Lower Ngau Tau Kok Estate. Le restanti classi della sezione PM della Bishop Paschang Memorial School vennero quindi trasferite alla Bishop Paschang Catholic School di Kowloon Bay.

                                     

2. Genealogia episcopale

  • Cardinale Giulio Antonio Santori
  • Cardinale Marcantonio Colonna
  • Papa Benedetto XIII
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Cardinale Serafino Vannutelli
  • Cardinale Giulio Maria della Somaglia
  • Cardinale Giacinto Sigismondo Gerdil, B.
  • Cardinale Pietro Fumasoni Biondi
  • Cardinale Girolamo Bernerio, O.P.
  • Cardinale Costantino Patrizi Naro
  • Cardinale Luigi Caetani
  • Vescovo James Anthony Walsh, M.M.
  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Carlo Odescalchi, S.I.
  • Cardinale Ulderico Carpegna
  • Papa Clemente XIII
  • Cardinale Domenico Serafini, Cong.Subl. O.S.B.
  • Vescovo Adolph John Paschang, M.M.
  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
  • Vescovo Francis Xavier Ford, M.M.
  • Papa Benedetto XIV
  • Cardinale Ludovico Ludovisi

Dizionario

Traduzione
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →