ⓘ Alfredo Jeri

                                     

ⓘ Alfredo Jeri

Nativo di Livorno, fu sempre legatissimo alla sua città dorigine. Prese parte alla Prima guerra mondiale, terminata la quale fu anche insignito di decorazioni al valor militare. Pubblicate le prime raccolte poetiche e un memoriale delle sue esperienze nella Grande Guerra, uscì nel 1935 il suo primo romanzo, Il bando del gonfaloniere, pubblicato da Mondadori. Collaborò con numerose riviste tra cui Liburni Civitas e Linformatore moderno e soccupò, tra le altre cose, di storia, opera e pittura fu anche critico darte; scrisse, tra gli altri, del suo concittadino livornese Pietro Mascagni e dellartista Giovanni Lomi. Partecipò anche alla Seconda guerra mondiale dellinvasione della Jugoslavia parlò nel suo Crollo in sette giorni. Terminati i conflitti iniziò a occuparsi con maggior costanza di letteratura ungherese: nel 1933 aveva iniziato la prolifica collaborazione con Ignazio Balla che lo portarono a cofirmare, nel successivo ventennio, numerose traduzioni dallungherese pubblicate per la Biblioteca Universale Rizzoli, tra cui importanti versioni delle opere di Herczeg, Molnár e Mikszáth. Ebbe anche modo di tradurre alcuni libri dal francese, il principale dei quali è La signora delle camelie di Dumas figlio. Per la U.T.E.T. di Torino curò alcuni volumi in cui affiancava suoi testi alle immagini di panorami di luoghi lontani, nonché alcuni libri per ragazzi di natura divulgativa, didattica e favolistica.

Gli è stato dedicato un busto, opera di Antonio Vinciguerra, posto nel giardino di Villa Fabbricotti a Livorno; sempre nella sua città natale gli è stata intitolata una via, tra Antignano e Montenero.

                                     

1.1. Opere Narrativa

  • Uno sullaltra riva, Milano, Corticelli, 1941
  • Marcolino e i mammiferi: storie di animali, Torino, UTET, 1957
  • Marcolino e gli uccelli: storie di animali, Torino, UTET, 1957
  • Viaggio intorno alla casa, Torino, UTET, 1957
  • Il principe felice e altre fiabe: storie di animali, Torino, UTET, 1957
  • Crollo in sette giorni, Milano, Rizzoli, 1941
  • Il bando del gonfaloniere, Milano, Mondadori, 1935
  • I razzi le stelle. Impressioni di guerra, Milano, Leroica, 1928
  • Viaggio intorno al mondo, Torino, UTET, 1957
                                     

1.2. Opere Poesia

  • La rapsodia del Piave, Milano, Leroica, 1923
  • Il volo, Livorno, Belforte, 1926
  • Lignoto, Livorno, Belforte, 1925
                                     

1.3. Opere Saggi

  • Miklos Horthy: il ricostruttore dellUngheria, Milano, Sperling & Kupfer, 1939
  • Mascagni: quindici opere, mille episodi, Milano, Garzanti, 1940
  • Bellegole. Trecentanni al teatro dopera, Milano, Corticelli, 1947
                                     

1.4. Opere Traduzioni

  • Ferenc Herczeg, La porta della vita, Milano, Rizzoli, 1960 con Ignazio Balla
  • Stanislas-André Steeman, La notte dal 12 al 13, Milano, Rizzoli, 1932
  • Kálmán Mikszáth, Il fabbro che non ci sente, Milano, Rizzoli, 1962 con Ignazio Balla
  • Sándor Török, Siamo tutti un po ladri, Milano, DallOglio, 1949 con Ignazio Balla
  • Ferenc Molnár, Liliom, Milano, Rizzoli, 1959 con Ignazio Balla
  • Alexandre Dumas figlio, La signora delle camelie, Milano, Corticelli, 1940
  • Ferenc Herczeg, Il miracolo, Milano, Leroica, 1933 con Ignazio Balla
  • Mór Jókai, I due Trenk, Milano, Rizzoli, 1959 con Ignazio Balla
  • Ferenc Herczeg, Luna calante, Milano, Rizzoli, 1961 con Ignazio Balla
  • Émile Zola, Al paradiso delle signore, Milano, Rizzoli, 1959
  • Ferenc Herczeg, I pagani, Milano, Rizzoli, 1958 con Ignazio Balla
  • Kálmán Mikszáth, Il fantasma di Lublo, Milano, Rizzoli, 1960 con Ignazio Balla
  • Mór Jókai, Rosa gialla, Milano, Rizzoli, 1962 con Ignazio Balla
  • Philippe Erlanger, La strana morte di Edoardo IV, Milano, Rizzoli, 1958
  • Ferenc Herczeg, Sirius, Milano, Garzanti, 1943
  • Théophile Gautier, Il Capitan Fracassa, Rizzoli, 1956
  • Honoré de Balzac, Il medico di campagna, Milano, Rizzoli, 1958
  • Ferenc Molnár, I ragazzi della via Pál, Torino, UTET, 1958
  • Kálmán Mikszáth, Lombrello di San Pietro, Milano, Rizzoli, 1960 con Ignazio Balla

Dizionario

Traduzione
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →