ⓘ Nereo Vianello. Laureato in Lettere allUniversità degli Studi di Padova nel 1954 con il professore e poeta Diego Valeri, conseguì i diplomi di Paleografia, dipl ..

                                     

ⓘ Nereo Vianello

Laureato in Lettere allUniversità degli Studi di Padova nel 1954 con il professore e poeta Diego Valeri, conseguì i diplomi di "Paleografia, diplomatica e dottrine archivistiche" e di "Paleografia greca"; subito dopo gli venne affidato lincarico di Segretario dellIstituto di Lettere Musica e Teatro del Centro di Cultura e Civiltà della Fondazione Giorgio Cini di Venezia.

Ha alternato studi letterari e ricerche bibliografiche e bibliotecarie, dedicandosi esclusivamente alle seconde negli ultimi anni della sua vita. Si è occupato di Dante, Petrarca, Boccaccio, Boiardo, Poliziano, Galileo, Calmo e Goldoni.

Dal 1961 lavorò alla Biblioteca nazionale Marciana di Venezia svolgendo importanti ricerche bibliografiche e codicografiche di carattere linguistico e letterario; coordinò i restauri di opere rare e di pregio; allestì la mostra per il IV centenario della nascita di Galileo e nel 1965 contribuì alla realizzazione della mostra per il VII centenario dantesco e per il V centenario dellintroduzione della stampa in Italia; organizzò nel 1967 una mostra sulle legature del XVI secolo e un congresso di bibliofili e infine collaborò alle celebrazioni del V centenario Marciano. Nel frattempo riprodusse il catalogo dei "Fondi antichi" e compilò lElenco dei periodici della Biblioteca Nazionale Marciana.

Parallela allattività bibliotecaria, a partire dal 1956, Vianello svolse lattività di docente universitario presso lateneo Ca Foscari di Venezia. Dopo aver conseguito le libere docenze in Lingua e letteratura italiana e in Bibliografia e biblioteconomia, nel 1965 ottenne la cattedra di Bibliografia e biblioteconomia presso la Facoltà di Lingue.

Nel 1967 pubblicò la sua monografia più importante: gli annali bibliografici della tipografia di Alvisopoli di Nicolò e Giovanni Bettoni.

Diresse inoltre la Sovrintendenza ai beni librari del Veneto dal 1971, promuovendo la creazione di 76 nuove biblioteche – tra cui la stessa universitaria - sette sistemi bibliotecari provinciali e avviando un centro regionale del restauro del libro.

Morì a soli 47 anni allOspedale Civile di Venezia il 23 aprile 1977.

                                     

1. Opere

  • G. Boccaccio, Elegia di Madonna Fiammetta, a cura di Nereo Vianello, Roma, A. Curcio, 1966.
  • La tipografia di Alvisopoli e gli annali delle sue pubblicazioni, Firenze, L.S. Olschki, 1967.
  • Elementi di ortografia compositiva, Venezia, Centro arti e mestieri Fondazione Giorgio Cini, 1966.
  • Il canto XVII del "Paradiso", Firenze, F. Le Monnier, 1966.
  • La citazione di opere a stampa e manoscritti, Firenze, L.S. Olschki, 1970.
                                     

1.1. Opere Studi bibliografici

  • Rassegna di recenti pubblicazioni italiane di bibliografia e biblioteconomia, in" AB”, XLII 1974, fasc.III
  • Materiali e ipotesi su Nicolas Ienson e sullorigine del tondo Rileggendo le "Lettres dun bibliographe" del Madden, Roma, Nuova tecnica grafica, 1976, pp. 619–628.
  • Biblioteconomia come scienza: epistemologia, professionalità, didassi, in "Lettere Venete", X 1974, fasc.31-34
  • Notizie di manoscritti dai cataloghi Rosenthal e Hoepli, in" Lettere italiane”, N.S., VII 1956, fasc.I, pp. 68–71
  • Per unedizione di Andrea Calmo. Saggio di bibliografia, in" Studi in onore di Natalino Sapegno”, vol.III, Roma, Bulzoni, 1976, pp. 223–238.
  • Inventario dei manoscritti di DAnnunzio al Vittoriale, in" Quaderni dannunziani”, XXXVI-XXXVII 1968
  • Dellunico esemplare conosciuto delleditio princeps dell "Innamorato", in Il Boiardo e la critica contemporanea. Atti del convegno di studio su M.M.Boiardo Scandiano-Reggio Emilia, 25-27 aprile 1969, Firenze, Olschki, 1970
  • Per gli "annali" dei Sessa, tipografi ed editori in Venezia nei secoli XV-XVIII, in" AB”, XXXVIII 1970, n.4-5, pp. 262–285
  • Una nuova bibliofilia?, in Studi offerti a Roberto Ridolfi, Firenze, Olschki, 1973, pp. 443–456
  • I libri di Petrarca e la prima idea di una pubblica biblioteca a Venezia, Venezia, Stamperia di Venezia, 1969
  • Per il testo delle "Stanze" del Poliziano: ledizione del 1526, in "Lettere italiane", N.S., VII 1955, fasc. III, pp. 331-342.
                                     

1.2. Opere Studi letterari

  • "Calmo Andrea", in Dizionario critico della letteratura italiana, Torino, UTET, vol.I, 1973, pp. 456–59
  • La lingua del foro veneto nelle attestazioni dellopera goldoniana, in Atti del convegno internazionale di studi goldoniani Venezia 28 settembre-1º ottobre 1957, Venezia-Roma, Ist.per la collaborazione culturale, 1959, pp. 908–928
  • Le postille di Petrarca di Galileo Galilei, in" Studi di filologia italiana”, XIV 1956, pp. 211–433
  • Note di Emilio Teza sulla lingua del Calmo, in" Lettere italiane”, N.S., IX 1957, fasc.III, pp. 197–204
  • Leggere per vivere ed esistere, in" AB”, 1977, n.1, pp. 41–63
  • Ventitré lettere di Iuan Andrès a Gaetano Melzi, in" Archivio Veneto”, S.V., XCVIII 1973, pp. 55–126