ⓘ Monumento di Monte Sabbiuno. Il monumento di Monte Sabbiuno è uno dei più importanti luoghi della memoria dell’antifascismo bolognese; un sacrario ai caduti del ..

                                     

ⓘ Monumento di Monte Sabbiuno

Il monumento di Monte Sabbiuno è uno dei più importanti luoghi della memoria dell’antifascismo bolognese; un sacrario ai caduti della resistenza situato nel parco collinare di Sabbiuno, allestremità meridionale del territorio bolognese, a circa 9 km dal centro cittadino, in via Sasso Marconi, ed è situato tra i calanchi del Monte di Paderno.

Il monumento è stato realizzato dal Gruppo Architetti Città Nuova Letizia Gelli Mazzucato, Umberto Maccaferri e Gian Paolo Mazzucato fra il 1972 e il 1973 e commemora 100 partigiani uccisi dai nazifascisti fra il 14 e il 23 dicembre 1944.

Leccidio rimase pressoché sconosciuto per diversi mesi, quando si iniziarono a rinvenire i corpi delle vittime, fucilate e gettate al di sotto del calanco.

In un primo tempo furono identificate 47 salme mentre 8 rimasero senza nome. Successivamente furono rinvenute altre salme nei dintorni: le fucilazioni erano proseguite anche dopo dicembre.

I partigiani appartenevano a diverse formazioni ed erano stati in gran parte rastrellati nella zona Ovest della periferia della città Anzola, Calderara di Reno e Amola di Piano. Nelle esecuzioni vennero probabilmente fucilate anche persone che non erano direttamente legate alla Resistenza.

Il monumento, inaugurato il 2 giugno 1973, ricorda simbolicamente lassassinio di 100 persone, anche perché non si è potuto ritrovare tutti i corpi delle persone trucidate.

BATTAGLIA DI PORTA LAME:

Nellestate 1944, in previsione dellarrivo delle truppe alleate, le brigate partigiane bolognesi allestirono numerose basi in città.

I nazisti demolirono con un cannone una di quelle basi se ne andarono. I partigiani abbandonarono la zona e rientrarono nelle vecchie basi. I nazisti uccisero 12 partigiani ne ferirono 15.

BATTAGLIA DELLA BOLOGNINA:

Era il 15 novembre 1944. Dentro ad un edificio sono stati chiusi 17 partigiani reduci dalla battaglia di Porta Lame.

Dopo alcune un’ora di scontro a fuoco una decina di loro resta uccisa o ferita.