ⓘ Giana Anguissola. Nata a Travo, PC, Giannina Anguissola, detta Giana, ama da sempre leggere, scrivere e dipingere e studia con passione. Molto precoce come scri ..

                                     

ⓘ Giana Anguissola

Nata a Travo, PC, Giannina Anguissola, detta Giana, ama da sempre leggere, scrivere e dipingere e studia con passione. Molto precoce come scrittrice, inizia a scrivere opere di narrativa a soli sedici anni e si presenta alla redazione del Corriere della Sera con un suo racconto e tanto coraggio, chiedendo di essere ricevuta dal direttore Luigi Albertini, "Perché Annie Vivanti allora nota scrittrice ha letto il racconto e mi manda da lui"; questa piccola bugia le fa ottenere il colloquio e la collaborazione con numerosi periodici milanesi: scrive per i periodici collegati al Corriere della Sera, ovvero su La Lettura, La Domenica del Corriere e Il Corriere dei Piccoli. Su "La Lettura", oltre a pubblicare novelle, dal 1929 e per tutti gli anni trenta, con lo pseudonimo di Gianola curò una rubrica di moda di grande richiamo anche grazie al sodalizio con la disegnatrice Brunetta, alias Brunetta Moretti Mateldi. Alla fine degli anni Venti iniziò anche la collaborazione al quotidiano piacentino "La Scure" che proseguì anche nel secondo dopoguerra quando il nome della testata mutò in "La Libertà". Il 3 aprile 1933 sposa lo scrittore Rinaldo Küfferle; il 2 marzo 1943 nasce il figlio Riccardo.

Contemporaneamente al successo desordio ottenuto con il romanzo per adulti Il romanzo di molta gente premio "Le stanze del libro" destinato ad autori emergenti nellambito del Premio Viareggio del 1933, Giana Anguissola si afferma come scrittrice per ragazzi scrivendo novelle e racconti a puntate sul "Corriere dei Piccoli" che spesso illustra lei stessa con personaggi che chiama "pupazzetti". Mentre la scrittura per i giovani, nellambito del filone realistico ma anche in una originale produzione fantastica, fluisce con naturalezza, la produzione letteraria per adulti incontra minor successo di pubblico e di fatto si esaurirà nellimmediato dopoguerra quando lattenzione di Giana si volgerà in via elettiva verso la letteratura per ragazzi, con particolare attenzione al mondo delle adolescenti con opere come Il diario di Giulietta 1954, Priscilla 1958 Pierpaola 1959, Linviata specialissima 1959, Io e mio zio, 1960 fino ad arrivare ai maggiori successi con Violetta la timida 1963. Nel 1954 con la riedizione de Gli eredi del circo Alicante ottiene il premio Soroptimist e nel 1959 con Priscilla il Premio della presidenza del consiglio e la Menzione dell International Board on Books for Young People.

Nel 1957 vince il Premio Saint-Vincent per il giornalismo e nel 1964 il Premio Bancarellino, con il romanzo che sarà il suo più diffuso: Violetta la timida.

Dagli anni 50 in poi tutte le sue opere sono edite da Ugo Mursia, casa editrice milanese con cui lAutrice stabilisce un sodalizio che durerà fino alla sua morte.

Fu tra i primi scrittori per ragazzi a riconoscere limportanza degli emergenti mass-media, radio e televisione, per la diffusione della cultura e per suscitare lamore per la lettura. Per la radio realizzò Dramma a ventanni, commedia in due atti del 1945 e curò la lettura di alcuni suoi romanzi quali Gli eredi del Circo Alicante e Seguendo una lira. Per lesordiente TV dei Ragazzi venne chiamata a realizzare la sceneggiatura di 21 episodi del Diario di Giulietta nel 1954 Le avventure di Pinocchio nel 1959.

Ottima giornalista, fu anche inviata speciale per la Gazzetta Lombarda, da cui fu mandata in Polesine per descrivere la disastrosa alluvione del 1951.

La recidiva di un tumore al seno la costrinse al ricovero in una clinica di Milano dove continuava a scrivere il suo ultimo romanzo Aniceto o la bocca della verità: esso fu portato poi a termine dalla sua editrice ed amica Giancarla Mursia Re e pubblicato postumo nel 1972.

Uscì postumo, nel 2007 a cura del figlio Riccardo Kufferle, anche il suo libro Buona tavola e belle lettere originale ricettario di cucina lombarda ed emiliana, nato su suggerimento del giornalista Orio Vergani che aveva fondato, nel 1953, lAccademia Italiana della Cucina.

La scrittrice si spense a 60 anni a Milano il 12 febbraio 1966.

                                     

1. Opere

  • Le straordinarie vacanze di Violetta, Mursia, p, 242, ISBN 9788842589921
  • Pierpaola
  • Daddi e Giogi
  • La polizia indaga
  • Marilù, Mursia ISBN 9788842500216
  • Chi sarà il nuovo re dei leprotti
  • I tre
  • La moglie le altre
  • Io e mio zio, Mursia ISBN 9788842589907
  • Il carretto del mercante
  • Gli eredi del circo Alicante, Mursia, ISBN 9788842589891
  • Letà acerba
  • Giulietta ha preso 0
  • Giulietta se ne va
  • Aniceto o la bocca della verità, pubblicato postumo rivisto e completato a cura di Giancarla Mursia Re. Mursia ISBN 9788842589853
  • Il diario di Giulietta, Mursia, ISBN 9788842500506
  • Lolli
  • I demoni vestono come noi
  • Il diario di Giulietta
  • Linviata specialissima
  • La vetrina dellorefice
  • Seguendo una lira, Mursia, ISBN 9788842589938
  • Larmadio misterioso
  • Il signor Serafino
  • Trovar marito
  • Priscilla, Mursia, ISBN 9788842519003
  • Tutta la vita in una notte
  • Violetta la timida, Mursia p. 250, ISBN 9788842528630
  • Gli animali al principio del mondo, Mursia, ISBN 9788842589884