ⓘ Bartolo Cattafi. Laureatosi in giurisprudenza a Messina, dal 1947 visse tra Milano, dove lavorava come pubblicitario, e la Sicilia. Il suo primo incontro con la ..

                                     

ⓘ Bartolo Cattafi

Laureatosi in giurisprudenza a Messina, dal 1947 visse tra Milano, dove lavorava come pubblicitario, e la Sicilia.

Il suo primo incontro con la poesia avvenne proprio nella sua terra nativa, dove nella primavera del 1943 trascorreva un periodo di convalescenza durante la seconda guerra mondiale. Quella "snervante primavera" fu per lui come rituffarsi in una seconda infanzia, ritrovandosi "a enumerare le cose amate, a compitare in versi un ingenuo inventario del mondo". Il tragico scatenarsi dei bombardamenti lo vide estraniato, con naturalezza, in un quadro bucolico inebriante: "Me ne andavo nella colorita campagna nutrendomi di sapori, aromi, immagini; la morte non era un elemento innaturale in quel quadro; era come un pesco fiorito, un falco sulla gallina, una lucertola che guizza attraverso la viottola". Nel 1951 pubblica la prima raccolta di versi, Nel centro della mano.

I viaggi che compì in Europa e in Africa diventarono i motivi ispiratori di alcune sue raccolte di poesie come Partenza da Greenwich del 1955. Silvio Ramat parla di "viaggio inteso come necessità biologica, di avventura e di verifica di una condizione umana, che altrimenti non arriva a scoprire il proprio valore, il proprio significato".

Nel 1964 con Losso, lanima, ottiene il premio Chianciano.

Quella di Cattafi è una poesia dai toni epigrammatici che fa spesso ricorso alla metafora del vuoto e della solitudine per delineare lamaro bilancio di una generazione che ha vissuto la giovinezza durante il ventennio fascista, per poi assistere agli orrori della seconda guerra mondiale; una generazione che, a dirla con Giuseppe Amoroso, si pone "alla stregua di chi viene dopo il diluvio".

Per la sua opera riceve il premio Mondello nel 1975. Il poeta - che, secondo Carmelo Aliberti in un suo saggio, è uno tra i più validi della generazione fiorita nel secondo dopoguerra, comprendente tra gli altri Luciano Erba, Nelo Risi, Giorgio Orelli e Giovanni Giudici - è morto precocemente per grave malattia e non ha avuto gran riconoscimento dalla critica. Quella di Bartolo Cattafi rappresenta peraltro unesperienza poetica da riconsiderare anche alla luce di qualche giudizio ponderato, quale ad esempio quello di Giorgio Bàrberi Squarotti su Laria secca del fuoco: "uno dei testi poetici più inquietanti del dopoguerra: con amarezza Cattafi compie uno dei più acuti e mortali esami di coscienza della sua generazione".

Unantologia delle sue poesie, curata da Vincenzo Leotta e Giovanni Raboni è uscita nel 1990 nella collana Lo Specchio Mondadori, 1990, poi negli Oscar 2001, Unaltra raccolta è apparsa pure postuma: Occhio e oggetto precisi - Poesie 1972-73 -, con prefazione di Silvio Ramat, con Scheiwiller nel 1998.

Nel 2019 lintera opera poetica di Cattafi è stata raccolta nel volume Tutte le poesie, a cura di Diego Bertelli, introduzione di Raoul Bruni, per Le Lettere di Firenze.

                                     

1. Opere

  • La discesa al trono ivi, 1975, Ipotenusa, avec une gravure di André Haagen. Sanningheber, Origine, 1975),
  • Poesie scelte 1946-1973, a cura di Giovanni Raboni,
  • Qualcosa di preciso,
  • Lallodola ottobrina,
  • Losso, lanima,
  • Chiromanzia dinverno, pubblicata postuma ibidem, nel 1983,
  • Il buio,
  • Partenza da Greenwich,
  • Nel centro della mano, Edizioni della Meridiana, 1951, Milano
  • Lame, con unacquaforte di Cattafi e due acqueforti di Carmelo Cappello, Verona, Sommaruga, 1974, * Ostuni, con sette disegni di Ruggero Savinio,
  • Segni, con la prefazione di Marisa Bulgheroni.
  • Se i cavalli., con 10 disegni di Gianluigi Giovanola,
  • 18 dediche 76-77 ibidem, 1978,
  • Marzo le sue idi,
  • Laria secca del fuoco ibidem, 1972,
  • Nel rettangolo dei teoremi, con 5 acqueforti di Nino Ricci, Ivi, Scheiwiller, 1977,
  • Le mosche del meriggio,