ⓘ L'enciclopedia libera. Lo sapevi che? pagina 239

Ottavina

L ottavina è una forma metrica tipica di Toscana, Lazio e Abruzzo derivante dallottava rima, e utilizzata ancora oggi nelle gare di improvvisazione. Lottava rima popolare è praticata dai soli poeti bernescanti che sogliono improvvisare i loro ver ...

Pastorella (componimento)

La pastorella è un componimento poetico, di forma dialogica, diffuso in particolare nella letteratura provenzale e nella letteratura francese medievale in lingua doc, dove veniva musicata e cantata.

Piede di arte maggiore

Nella metrica della lingua spagnola, il piede di arte maggiore o verso di arte maggiore, è un verso composto di due emistichi ognuno dei quali ha un accento ritmico al principio e alla fine. Il primo emistichio può portare il primo accento sulla ...

Quantità (fonologia)

In fonologia e metrica, la quantità è un tratto prosodico relativo alla lunghezza o alla brevità dei fonemi. Avendo carattere fonologico, non coincide obbligatoriamente dalla durata fisica dei foni. In greco antico e in latino, lopposizione tra v ...

Quartina (metrica)

Una quartina è in poesia una strofa composta da quattro versi. È la più comune forma metrica della poesia europea; le rime classiche sono del tipo AABB, ABAB, ABBA, ABCB. In un significato più ampio, il termine si riferisce ad una poesia di soli ...

Radif

Si definiscono radif una serie di antiche figure melodiche trasmesse attraverso svariate generazioni per mezzo della tradizione orale. Su questo insieme di melodie si basa la musica tradizionale persiana, che viene tramandata da maestro ad alliev ...

Redondilla

Il termine spagnolo redondilla indica una strofa di quattro versi ottonari, con rima assonante o consonante, sebbene sia più abituale questultima. Ciò che la differenzia dalla quartina è il formato dei versi, di arte menor nel caso della redondil ...

Responsione

La responsione è il meccanismo per cui, nella metrica corale greca, lo schema metrico della strofe è uguale a quello dellantistrofe.

Rima

In poesia, la rima è lidentità consonantica e vocalica nella terminazione di due o più parole a partire dallaccento tonico. Spesso tali parole si trovano al termine dei versi.

Rima equivoca

In poesia, la rima equivoca è una rima tra due parole uguali in scrittura, ma con contenuto semantico differente. Si consideri, ad esempio, il secondo e terzo verso della sirma della prima stanza della canzone di Guittone dArezzo Ora parrà seo sa ...

Rima reale

La rima reale, in inglese rime royal o rhyme royal, è una tipologia di stanza che consiste in sette versi, solitamente pentametri giambici.

Ripresa (metrica)

La ripresa, detta anche respos o refrain, è un ritornello che si lega alle precedenti strofe in modo che lultima rima possa essere ripresa dalla rima dellultimo verso della strofa. In provenzale, il ritornello veniva cantato nella ballata dal cor ...

Rispetto (metrica)

Il rispetto, in ambito linguistico, è una forma metrica che coincide in gran parte con lo strambotto. Si tratta pertanto di una forma lirica popolare molto simile allo stornello, alla villanella e alla villotta. In origine si usava il termine ris ...

Romance (metrica)

Il romance è una combinazione metrica originaria della Spagna che consiste in una serie indefinita di versi, nella quale quelli pari presentano rima assonante e quelli dispari restano sciolti. I versi sogliono essere ottonari, ma possono arrivare ...

Rondel

Il rondel è un tipo di poesia cosiddetta a forma fissa costruita su due rime soltanto e che comporta un ritornello, similmente al rondeau e al triolet. È composto generalmente di tredici versi ottonari ripartiti in tre strofe. Lo schema metrico d ...

Rotondello

Il rotondello o rondò è un componimento che in origine faceva da accompagnamento al ballo in tondo. Esso è solitamente formato da otto versi dei quali alcuni vengono ripetuti in alcuni punti, soprattutto allinizio e alla fine. Il rotondello non e ...

Schema metrico

Si definisce schema metrico la descrizione di un testo poetico dal punto di vista metrico di un componimento poetico generalmente indicando le strofe, il tipo di versi e lo schema della rime. Per descrivere lo schema rimico il susseguirsi delle r ...

Seguidilla

La seguidilla è una strofa di quattro versi, gli impari sono settenari e i pari quinari con rima assonanzata. Questo tipo di versi vengono definiti in Spagna versi di arte minore.

Serventese

Il serventese, detto anche sirventese o sermentese, è un componimento strofico della metrica italiana che utilizza schemi e argomenti vari, anche se preferisce quelli a carattere didascalico e narrativo, sorto intorno al XIII e XIV secolo. Nonost ...

Silva (poesia)

La silva è una strofa della metrica castigliana che consiste in una estensione indeterminata di versi settenari, vale a dire un verso nel quale lultimo accento si trova sulla sesta sillaba, ed endecasílabi che rimano in consonante liberamente, co ...

Sinafia

La sinafia è un fenomeno metrico di continuità ritmica tra due cola, che consente a una parola di essere spezzata tra la fine di un colon e linizio dellaltro, o nel caso di due vocali contigue, appartenenti a due parole diverse, di essere unite i ...

Sinalefe

La sinalèfe è una figura metrica in cui, nel conteggio delle sillabe di un verso, sono unificate in una sola posizione la vocale finale duna parola e quella iniziale della parola successiva. Un primo esempio lo si può notare nel verso Il suo sche ...

Sirma (metrica)

Sirma o anche sirima è la seconda parte della strofa nella canzone petrarchesca che è collegata alla prima, detta fronte, per mezzo di un verso detto chiave. Viene dal greco σύρμα syrma, che era lo strascico della veste usata dagli attori tragici ...

Soleá (metrica)

La soleá è una combinazione metrica propria della lirica popolare andalusa, composta di tre versi di arte menor ottonari con assonanza nel primo e nel terzo verso e senza rima di nessuna specie il secondo. La si conosce anche con il nome di "terz ...

Soleariya

Nella metrica spagnola la soleariya è una Soleá con il primo verso senario e gli altri due endecasillabi. Questa strofa è di carattere popolare. Nel secolo XX anche possiamo trovare che siano il primo e il terzo senario rimando in qualunque caso ...

Strofa

Nella letteratura e nella metrica, la strofa è un gruppo di versi, di numero e di tipo fisso o variabile che vengono organizzati secondo uno schema, in genere ritmico, seguito da una pausa. È nota anche con il nome di stanza, termine preferito pe ...

Strofa spenseriana

La strofa spenseriana è una strofa composta di otto pentametri giambici e un verso alessandrino legati da rime ababbcbcc. Prende il nome dal poeta Edmund Spenser, che la inventò utilizzandola per la prima volta in The Faerie Queene. Il modello fu ...

Terza rima

La terza rima, detta anche per antonomasia terzina dantesca, è la strofa principale della metrica italiana, usata e portata alla perfezione da Dante Alighieri nella Divina Commedia.

Terzina (metrica)

Una terzina è in poesia una strofa composta da tre versi. La terzina è una strofa tipica di componimenti come gli haiku, i sonetti, le villanelle e la terza rima. Le terzine sono tipiche della poetica di Giovanni Pascoli. La Divina Commedia di Da ...

Terzina dantesca

viene detta divina. La terzina dantesca, o terzina incatenata, o terza rima, è la strofa usata da Dante nella Divina Commedia. Essa è costituita da tre versi endecasillabi, di cui il primo e il terzo rimano tra loro, mentre il secondo rima con il ...

Triolet

Nella metrica, specificamente della poesia francese, il triolet è una poesia cosiddetta a forma fissa composta di otto versi basati su due sole rime e nei quali il primo, quarto e settimo verso, così come il secondo e lottavo verso, sono identici ...

Zéjel

Lo zéjel detto anche zájal è un componimento metrico originario della Spagna e nato durante la dominazione islamica dellIberia. Strutturalmente molto vicino al muwashshah, lo zéjel presenta però un contenuto interamente in lingua araba a livello ...

Morfologia (linguistica)

La morfologia è la parte della grammatica o della linguistica che ha per oggetto lo studio della struttura grammaticale delle parole e che ne stabilisce la classificazione e lappartenenza a determinate categorie come il nome, il pronome, il verbo ...

Abbreviazione

L abbreviazione è la riduzione, eventualmente mediante simboli convenzionali, di una parola o di una frase nella scrittura o nella pronuncia. Non va confusa con lapocope.

Accordo (linguistica)

Per accordo si intende in grammatica la corrispondenza delle caratteristiche morfologiche flessionali. Se analizziamo due aggettivi come bella e bello, entrambi fanno parte della stessa categoria lessicale ma non di quella flessionale perché bell ...

Lingua agglutinante

Una lingua agglutinante è un idioma in cui le parole sono costituite dallunione di più morfemi. Questo termine fu introdotto da Wilhelm von Humboldt nel 1836 per classificare le lingue da un punto di vista morfologico. Il suo nome deriva dal verb ...

Allomorfo

In linguistica, il termine allomorfo risale alla tradizione della linguistica distribuzionale degli studiosi statunitensi Leonard Bloomfield e Zellig Harris e indica ciascuna delle differenti realizzazioni concrete di un morfema in diversi contes ...

Aumento (linguistica)

Laumento in grammatica è una funzione di alcune lingue indoeuropee per marcare il tempo passato di un verbo. Comporta un allungamento quantitativo della prima vocale di una parola iniziante appunto per vocale oppure lapposizione di una sorta di p ...

Bahuvrihi

In linguistica un composto bahuvrihi è un tipo di composto che denota un referente specificando una certa caratteristica o qualità che il referente possiede. Un bahuvrihi è esocentrico, quindi il composto non è un iponimo della sua testa. Ad esem ...

Circonfisso

Il circonfisso è un elemento morfologico costituito da due elementi, collocati prima e dopo il morfema lessicale. A differenza di prefissi, suffissi e infissi, che sono di norma costituiti da un segmento continuo, i circonfissi sono costituiti da ...

Classificatore (linguistica)

Un classificatore è una parola o un morfema che viene usato in alcune lingue per accompagnare i nomi in certi contesti grammaticali, e possono spesso essere considerati per "classificare" il nome in base al tipo del suo referente - nomi che rappr ...

Construction Grammar

In linguistica, la Construction Grammar è un approccio allo studio della morfosintassi secondo il quale la competenza morfosintattica di un parlante è costituita da un insieme di costruzioni, ossia di associazioni tra strutture linguistiche e sig ...

Crasi

La crasi o sincrasi è un fenomeno fonetico che consiste nella fusione di due o più suoni vocalici. È quindi una forma di contrazione. Ad esempio, per crasi si forma nil da nihil o alcol da alcool.

Demorfologizzazione

In linguistica, la demorfologizzazione è un processo per cui i morfemi, nel corso della loro evoluzione a causa della grammaticalizzazione, arrivano a perdere il loro significato. Ciò può inoltre indurre a mutamenti fonetici delle parole interess ...

Derivazione (linguistica)

La derivazione in linguistica è il processo per cui una nuova parola si forma a partire da unaltra parola mediante un meccanismo di formazione che ne cambia il significato; il meccanismo di derivazione più comune è laggiunta di un affisso. Una pa ...

Formazione neoclassica

In linguistica, per formazione neoclassica si intende un processo, tipico delle lingue speciali, ma presente anche nel lessico comune, che consiste nel formare parole utilizzando morfi con valore semantico pieno, mutuati soprattutto dalle lingue ...

Genere dei sostantivi nella lingua italiana

Nella lingua italiana, il genere del sostantivo è normalmente arbitrario, nel senso che non è strettamente legato al significato di un nome. Non esiste infatti una logica stringente per cui il sostantivo domenica debba essere femminile e fiore de ...

Infisso (linguistica)

Un infisso è un elemento linguistico di formazione delle parole che, a differenza del suffisso, dellinterfisso e del prefisso, non viene aggiunto alla radice della parola, ma inserito allinterno della radice stessa. Esempi: inglese: bloody, bloom ...

Interfisso

In linguistica, l interfisso è un affisso intermedio che si inserisce tra la radice e il suffisso. Esempi - ic - nella derivazione del diminutivo di posto > post - ic - ino. Si differenzia dallinfisso, che invece interviene allinterno della ra ...

Ipocoristico

In linguistica, un ipocoristico è la modificazione fonetica di un nome proprio di persona: tale modificazione può originare un diminutivo, un vezzeggiativo oppure una commistione delle due forme. Il termine deriva dal greco antico: ὑποκοριστικός, ...

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →